Calamite con foto per una buona giornata

Magneti per il frigo con foto

7:30 AM Drriiiiiin Come ogni mattina suona la sveglia. Mi alzo, vado in bagno e mi guardo nello specchio. La stessa pettinatura - meglio spettinatura - di ogni giorno, la solita faccia ancora addormentata si riflette nel vetro. 'Lasciami dormire ancora qualche minuto' mi supplica con occhietti tristi. Purtroppo non c'è tempo.

Con passi lenti entro in doccia e lavo i capelli tutti appiccicati del sonno. Poco a poco l'acqua calda sul corpo mi sveglia ed inizio a pensare alla giornata che dovrò affrontare. Sarà una giornata difficile con tante discussioni e bisticci inutili. Per sentirmi più forte mi vesto con i miei jeans preferiti, una maglietta dei super-eroi e gli All-Stars abituali. Eccomi preparato per la giornata!

In cucina mi faccio un caffè e riscaldo un po' di latte sul fornello. 'Perché devo andare al lavoro? Chi ha inventato questo sistema?' Invece di uscire di casa con fretta e prendere l'autobus strapieno di gente, preferirei rimanere a casa e godermi questo caffè con calma, leggere un libro e finire l'ultimo sketch che ho in mente. 'Esce pure il sole! Che spreco andare al lavoro con un bel tempo cosí!'.

Con questi pensieri scuri apro un'altra volta il frigo e vedo lei. Lei, tutta sorridente con gli occhi blu marini seduta sul muretto di pietra davanti a casa dei suoi. E una delle prime foto che ho preso di lei - che bella che è tutta rilassata con una leggera abbronzatura.

Ci sono altre foto di noi: le prime vacanze in Sardegna, una passeggiata lungo il mare, con la torta per il compleanno...ogni foto mi ricorda un momento speciale della nostra relazione. E bello avere queste foto come calamite sul frigo. Vedere lei così contenta sulla foto mi da più coraggio e mi sbrigo a bere il caffè quasi freddo. Apro la porta della nostra stanza e la vedo lì sdraiata sul letto e persa nel suo sogno. Le lancio un bacio con la mano ed esco da casa correndo. L'autobus non mi aspetterà!

(Grazie a bitrebels per la foto)

comments powered by Disqus