Diario di un tredicenne

Premessa: questo mese abbiamo voluto dar voce a un nostro amico particolare. Ci è molto piaciuta la sua storia e ha ottime idee su come utilizzare e divertirsi con le spille personalizzate. Leggere per credere!

Settembre. Un mese dolce amaro. Ultimi giorni di quiete prima della tempesta. Le giornate che s’accorciano. La mamma che rompe con la giacchetta, la sera prima d’uscire: “Cosa credi, che siamo ancora ad agosto!?”. Il ritorno a scuola. Mamma mia! Altro che giacchetta.

Settembre e il ritorno a scuola.

Si rivedono gli amici, salutati prima di partire in vacanza, questo sì. Non dico che non faccia piacere. Ma tra un pò si rivedranno anche i professori, i libri di scuola, la sveglia con la lancetta puntata sulle sette e mezza. Ho già i brividi! E la giacchetta, anche in questo caso, non c’entra proprio niente.

Eppure non devo abbattermi. Settembre é un mese importante, un mese in cui si ha voglia di stupire. Anzi, si deve stupire.

L’anno scorso l’idea é stata uno zaino nuovo, ma quest’anno?

Quest’anno mi sa che batto tutti in partenza, non ci dev'essere gara!

Eh si, l’idea è semplice: rivoluziono il mio zaino scolastico, lo faccio diventare ancora più nuovo che l’anno prima. Prima di tutto lo riempo di spille. E poi personalizzo le spille con le foto più belle di quest’estate o chissà, con la foto di Balotelli a petto nudo in mezzo al campo. Oppure scrivo qualcosa di carino, di originale (a tredici anni, ho fantasia da vendere!), lancio un messaggio al pianeta terra e chi vuol capire capisca.

Quest’anno settembre sará l’inizio di un anno speciale. Un anno personalizzato sui miei desideri.

comments powered by Disqus